SETTIMANA MONDIALE DEL GLAUCOMA - Farmacia San Michele
1411
post-template-default,single,single-post,postid-1411,single-format-standard,_masterslider,_msp_version_2.9.6,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-product-single-wide-gallery,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

SETTIMANA MONDIALE DEL GLAUCOMA

CHE COSA È?
È una malattia che colpisce il nervo ottico. Nella maggior parte dei casi è dovuta a un aumento
della pressione interna dell’occhio che causa, nel tempo, danni permanenti alla vista che sono
accompagnati da:
• riduzione del campo visivo (si restringe lo spazio che l’occhio riesce a percepire senza
muovere la testa);
• alterazioni della papilla ottica (è detta anche testa del nervo ottico ed è visibile all’esame del
fondo oculare).
L’oculista diagnostica un glaucoma quando rileva:
1. un aumento della pressione oculare;
2. una riduzione del campo visivo;
3. alterazioni della papilla ottica.

LA PRESSIONE OCULARE
L’occhio ha una forma quasi sferica e una consistenza duro-elastica.
La sua tonicità è data dalla quantità di liquido – umor acqueo – che lo riempie, come
la pressione di un pneumatico è data dalla quantità di aria immessa. In un occhio sano la
produzione e il deflusso di umor acqueo sono in equilibrio perfetto; a questo rapporto è legata
la pressione oculare. Quando c’è un eccesso di produzione dell’umore acqueo oppure quando
c’è un ostacolo al suo deflusso (è la condizione più frequente) si ha un aumento della
pressione oculare, che a lungo andare danneggia la testa del nervo ottico. La pressione
oculare media deve essere generalmente compresa tra i 10 e 20 millimetri di mercurio
(mmHg). Nei casi limite bisogna tenere conto anche dello spessore della cornea (superficie
oculare trasparente).

Occhio-364x245QUANTE FORME DI GLAUCOMA ESISTONO?
Numerose, ma le più frequenti e importanti sono tre:
• il glaucoma cronico semplice (ad angolo aperto);
• il glaucoma acuto (ad angolo chiuso);
• il glaucoma congenito.
Il glaucoma cronico è la forma più comune. È dovuto ad un progressivo malfunzionamento
delle vie di deflusso (il sistema trabecolare) dell’umor acqueo, che causa un aumento della
pressione oculare (quasi mai elevato).
Questo fenomeno si può paragonare a quanto accade in un lavandino parzialmente ostruito
che dà ristagno di acqua. Il glaucoma cronico è una malattia tipica dell’adulto (dopo i 40-50
anni), ha un’evoluzione molto lenta e non dà disturbi o sintomi particolari. In assenza di un
controllo oculistico ci si rende conto troppo tardi di essere malati, ossia solo in fase terminale,
quando il danno al nervo ottico è già avanzatissimo e irreparabile.
Il glaucoma acuto si manifesta in maniera improvvisa e imprevedibile e quasi sempre è legato
a una condizione anatomica predisponente (occhi ipermetropi).
È dovuto a un’ostruzione totale delle vie di deflusso, come accade in un lavandino che si ottura
completamente senza far più passare acqua. Insorge con un dolore violento, che non dà tregua,
associato spesso a nausea e vomito. L’occhio è molto infiammato, la vista fortemente ridotta.
Il glaucoma congenito si può manifestare già alla nascita o nei primi anni di vita. È dovuto ad
alterazioni o a malformazioni delle vie di deflusso dell’umor acqueo. La “plasticità” del bulbo
oculare fa sì che l’occhio acquisti dimensioni molto grandi (buftalmo=occhio di bue).
Pur essendo in assoluto una forma rara, è una delle cause più frequenti di ipovisione e cecità
infantile.

chiara
mctommasini@libero.it